mercoledì 8 febbraio 2017

LE MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE

Autore; Dott. Raffaele Lopreiato   Sessuologo  e Dermovenereologo  -  Vibo Valentia

Le infezioni a trasmissione sessuale (ISF) o Malattie sessualmente trasmesse (MST) sono causate da batteri, funghi, parassiti o virus che si trasmettono da una persona ad un’altra attraverso  rapporti sessuali non protetti, siano essi eterosessuali o omosessuali.

Quindi fare sesso non protetto con una persona che abbia una infezione trasmissibile per via sessuale (...e magari neanche lo sa!) ) è causa di trasmissione.

Alcune MTS

    AIDS/HIV  Sindrome da Immunodeficienza Acquisita 
    Sifilide 
    Gonorrea
    Uretriti e cerviciti da Chlamydia 
    Herpes genitale 
    Epatiti Virali
    Ulcera molle Papillomavirus (HPV)  
    Mollusco contagioso 
    Linfogranuloma venereo
    Scabbia 
    Pediculosi


I rapporti sessuali a rischio:

    Il sesso non protetto (senza preservativo) per via vaginale o anale con una persona infetta è accompagnato da un alto rischio di contagio da MST.
    Il sesso orale non protetto ha un rischio minore, ma i contagi per questo tipo di pratica sessuale sono in aumento. 
    L'assunzione di farmaci, droghe,  alcol può aumentare il rischio di contagio di una MST, soprattutto perché sotto l'effetto di queste sostanze le persone risultano meno attente a praticare sesso sicuro.

L’uso regolare del preservativo protegge, in linea di massima, per la maggior parte delle MST, per cui se ne raccomanda caldamente l’uso quando il buon senso dovrebbe consigliarlo.

Il contatto intimo può avvenire anche tra aree che il condom non riesce a coprire, per questo la sua efficacia può essere inferiore, ma il suo utilizzo è sempre strettamente raccomandabile.